Maschere Kwele

Il gruppo etnico Kwele è presente in tutto il Gabon. Per i Kwele, il culto maggiormente importante è quello dei parenti defunti. La vita di questa popolazione ruota attorno ai riti di iniziazione; essi si svolgono in periodi precisi, per propiziare la risoluzione delle difficoltà della vita.

Maschera Kwele con lunga barba

Questa maschera, dalla caratteristica forma a cuore, presenta un disegno utilizzato in molte rappresentazioni artistiche Kwele. L’espressione di beatitudine è evidenziata dal caolino bianco, che fa da confine al disegno a forma di cuore. Una lunga e folta barba, fatta di filamenti naturali, imbellisce questa allegorica maschera.

Maschera Kwele con lunga barba
Maschera Kwele con lunga barba

Maschera Beete

I Kwele sono tra i popoli Bantu che vivono nella parte occidentale della foresta equatoriale africana. Durante l’epoca precoloniale, gli abitanti della regione aderivano ad una nozione molto diffusa di territorialità. Raggruppamenti slegati di villaggi, composti da gruppi di lignaggio, erano facilmente rotti da antagonismi interni, portando alla fondazione di nuove comunità. Per evitare la frammentazione sociale, i leader Kwele svilupparono il rito “beete”, per dissipare il conflitto reindirizzando l’attenzione alle reliquie ancestrali di proprietà di specifici lignaggi. Integrate nel rito vi erano danze condotte da performers mascherati detti “ekuk”, ovvero “cose delle foreste”. La maggiorparte delle maschere ekuk aveva attributi animali, tra cui la maschera “bata” (o “ram”), caratterizzata da corna ricurve intorno al viso. Altre caratteristiche animali (come proboscidi o becchi) hanno ispirato gli artisti Kwele a scolpire elementi che proiettano al di là di un singolo campo pittorico.

Maschera Beete
Maschera Beete

Maschera Kwele con corna

Le maschere Kwele si riconoscono per la loro semplicità, in un’espressione concentrata ed analitica. Esse rappresentano gli spiriti benevoli della foresta, oppure una combinazione di persone ed animali. In questo caso, l’artista sembra aver voluto unire un uomo ed un’antilope. Questo manufatto, come molti altri casi, presenta occhi a fessura. Il caolino bianco, mischiato alla terra, è dovuto alla credenza Kwele del collegamento di questi materiali ai concetti di luce e chiarezza.

Maschera Kwele con corna
Maschera Kwele con corna

Maschera Kwele

Ci sono 3 tipi principali di maschere Kwele: maschere degli spiriti della foresta (Ekuk); maschere che assomigliano a gorilla maschi (Gong); maschere casco con più facce (Ngontangang). Il colore bianco in altre zone dell’Africa Equatoriale è associato alla morte; per i Kwele, invece, simboleggia luce e chiarezza, e quindi la chiaroveggenza necessaria per combattere la stregoneria. Anche se i Kwele hanno prodotto oggetti in ferro, è soprattutto attraverso le loro sculture, maschere e statuette antropomorfe/zoomorfe che hanno guadagnato fama. Le loro maschere sono riconosciute per la loro grande semplicità, in un’espressione concentrata e analitica.

maschera kwele
Maschera Kwele