Maschere Bambara – Mali

I Bambara costituiscono la maggior parte degli abitanti dell’odierno Mali. Fieri delle loro tradizioni e della loro antica gloria, hanno saputo elevare una barriera contro le contaminazioni culturali. Racchiusi entro dinamici gruppi etnici musulmani, hanno conservato quei culti tradizionali che imprimono all’arte Bambara il principale impulso. Si può dire, senza forzare troppo il termine, che la teologia determina sempre la loro estetica. Tutte le opere presentano uno stile comune, facile da identificare. L’aspetto esterno ricorda ancora il pezzo di legno da cui la scultura è stata ricavata; si associano superfici piane, curve e contorni angolari, suggerendo una specie di geometria.

Maschera Bambara
Maschera Bambara

Maschera Kono

Maschera Kono. Questo tipo di maschere era utilizzata da un’organizzazione religiosa maschile Bambara, chiamata ‘dyo’. L’oggetto era indossato orizzontalmente sulla testa mentre si danzava. Il nome della maschera deriva dal fatto che essa era utilizzata durante quei rituali di iniziazione che consentivano l’accesso al quarto livello della società ‘dyo’; questo rango era per l’appunto chiamato ‘Kono’. La bocca allungata può essere interpretata come una proboscide, oppure come un becco.

Maschera Kono Bambara
Maschera Kono Bambara

Maschera tyi-wara – Bambara

Questa maschera tyi-wara è intagliata in un legno annerito, colorato a toni spenti. Essa varia nell’altezza e nella stilizzazione, in base al fatto che raffiguri l’animale maschio o femmina. Queste teste di antilope sono fra le opere più sorprendenti di tutta l’arte africana. Solo le corna si conformano al modello; il resto è largamente lasciato alla fantasia creatrice. I motivi traforati evocano la cervice e la criniera del maschio. Le sapienti strutture ornamentali, sempre rispettando i temi convenzionali, obbediscono al contempo alle variazioni dei singoli scultori. L’arte espressa nella creazione dei cimieri tyi-wara sembra richiamare più vivamente l’attenzione dello spettatore, anche grazie alla sua astrattezza e creatività.

Maschera tyi-wara - Bambara
Maschera tyi-wara – Bambara

Maschera antropomorfa Bambara

Maschera antropomorfa Bambara. Questa maschera lignea presenta alcuni tipici tratti della ritrattistica Bambara. Ad esempio, il naso è lungo e lineare, la bocca è piccola e sporgente, le sopracciglia sono arcuate e dominanti, mentre la fronte è leggermente bombata. Il tutto è inscritto nel volto ovale ed allungato, dalla superficie morbidamente levigata.

Maschera antropomorfa Bambara
Maschera antropomorfa Bambara
Maschera antropomorfa Bambara
Maschera antropomorfa Bambara

Maschera Bambara Suruku

Questa maschera si occupa degli iniziati maschi dell’associazione Korè, mentre gli anziani li presentano ai riti e alle tradizioni. La maschera ‘suruku’ rappresenta una iena. È in legno marrone scuro e ha un volto concavo, dal lungo muso. Nella parte superiore della testa ci sono due piccole orecchie. L’individuo che indossa la maschera della iena non si prende sul serio; infatti, è la parodia di chi combatte la stupidità umana, che non risparmia nessuno.

 Maschera Bambara Suruku
Maschera Bambara Suruku